C’ERA UNA VOLTA UN BAMBINO Once upon a time a child...

86

Lista incompleta di un bambino adulto:

pensare di poter salvare il mondo, credere in Babbo Natale, alzarsi all’alba per partire con papà, ascoltare la radiocronaca delle partite di calcio da una radiolina arancione, giocare con le macchinine, pensare ad una casa sospesa nel cielo, aver paura di perdere i genitori, fotografare il mondo con una Kodak, giocare nel mondo fantastico di una cameretta, leggere Topolino, piangere guardando Bambi, aver paura dell’acqua, costruire una teleferica per  la sorellina, sognare una casa sull’albero, sentirsi un campione indossando la maglia della squadra del cuore, il profumo dei sughi della nonna, l’odore emesso da una barca a motore, la sinfonia dell’acqua sotto una gondola, scoprire come sono fatte le cose dentro, essere il più bravo in matematica ma farsi la pipì addosso in chiesa, accarezzare la sorellina appena nata, raccogliere le conchiglie sulla spiaggia, contare i semi delle ciliegie per capire quante ne hai mangiate, fantasticare ad occhi aperti, gli incubi quando hai la febbre, gli stracci bagnati nei momenti di crisi, le mostre d’arte con troppa gente, le infinite chiese visitate, in camper in giro per l’Europa, i giochi inventati, sul palco dei maghi, innamorato della compagna di banco, tutti i musei, essere un riferimento per gli altri, l’affetto della mamma, nel coro della chiesa facendo finta di cantare, soffrire in gita da solo, gli amici come fratelli, non riuscire ad arrabbiarsi con nessuno, le belle parole e la brutta calligrafia, aspettare Babbo Natale sveglio tutta la notte in silenzio, dormire per terra col cane, la gioia dell’attesa per l’arrivo di papà, guardare il cielo per vedere gli extraterrestri, i piedi freddi dentro agli scarponi da sci, la voglia di diventare grande, la gioia di essere bambino senza saperlo e altro ancora.

 

Incomplete list of an adult child:

to believe in Santa Claus, thinking I can save the world, getting up at dawn to go with Dad, listen to the radio commentary of football matches by an orange radio, playing with toy cars, think of a house suspended in the sky, afraid of losing parents, photographing the world with a Kodak, play in the fantasy world of a small room, reading Topolino, cry watching Bambi, afraid of water, build a cable car to the little sister, dream of a tree house, feeling like a champion wearing the jersey of their favourite team, the scent of Grandma’s sauces, the smell emitted by a motor boat, the water symphony in a gondola, find out how things are done in, be as good at math but taking a pee on him in a church, caressing newborn sister, collect shells on the beach, counting the seeds of the cherries to figure out how many did you eat, fantasize with open eyes, the nightmares when you have a fever, wet rags in times of crisis, too many people to the art exhibition, the endless churches visited, in a camper travelling around Europe, inventing games, on the stage with magicians, in love with my classmate, all the museums, to be a reference for others, Mother’s love, church pretending to sing in the choir, to suffer on a trip alone, friends as brothers, not being able to get angry with anyone, the nice words and bad handwriting, waiting all night for Santa Claus, sleep on the floor with the dog, the joy of waiting for the arrival of Dad, look at the sky to see aliens, cold feet in the ski boots, the desire to be great, the joy of being a child without knowing it, and more.

andrea-barasciutti-1971w